GRAMSCI E IL GIUDICE

22.00 EUR

Ruggero Giacomini
Gramsci e il giudice

Roma, Castelvecchi, 2017
pp. 412



«Onorevole Gramsci, lei ha degli amici che certamente desiderano che lei rimanga un pezzo in galera».
Con queste parole il giudice istruttore del Tribunale Speciale, Enrico Macis, mostra al capo del Partito Comunista d'Italia, detenuto nel carcere milanese di San Vittore, una lettera proveniente da Mosca, di cui è mittente il dirigente comunista Ruggero Grieco.
Di qui nascono i timori e i sospetti di Antonio Gramsci che una provocazione contro di lui possa essere venuta dal vertice del suo partito e, a seguire, l'infinita denuncia della pubblicistica e della storiografia - anche recenti - alla ricerca del colpevole ispiratore, puntando il dito solitamente su Palmiro Togliatti.
Intorno al prigioniero Gramsci, Macis mette in moto una macchina infernale di insinuazioni e menzogne.
Ma chi era questo magistrato, accreditatosi come un onesto e indipendente professionista della giustizia?
Quale il suo ruolo effettivo nel sistema di potere fascista?
Quale la verità del suo giudizio?
A questi interrogativi - finora largamente elusi - risponde la ricostruzione di Ruggero Giacomini, frutto di una minuziosa ricerca condotta su molte fonti inedite, nel confronto serrato con la principale storiografia.

per maggiori informazioni su questo volume, disponibilità, modalità e costi di spedizione, compila il form cliccando il bottone Per contattarci

  • Edito da: CASTELVECCHI


Libro inserito in catalogo giovedì 14 dicembre, 2017.

Il tuo indirizzo IP è: 54.162.159.33
Claudiana srl - P. IVA 09005860011
Zen Cart. Powered by Zen Cart